Click on Link to download or play MP3 file || 3.66MB || Time 4m 0sBenvenuti a Palestina Oggi. Un servizio dell’International Middle East Media Centre, www.imemc.org, per lunedi 16 aprile 2007.

L’esercito israeliano ha ferito un civile nella Striscia di Gaza, mentre nella West Bank 13 civili sono stati arrestati. Vi racconteremo queste ed altre storie, rimanete con noi.

Aggiornamenti da Gaza

Un civile palestinese è stato ferito lunedi mattina quando le truppe israeliane hanno aperto il fuoco contro di lui nella città di Beit Lahia nella parte nord della Striscia di Gaza. Fonti mediche palestinesi hanno identificato l’uomo come Ziad Ashour, di anni 52. L’uomo che è stato descritto come mentalmente instabile, ha riportato ferite alla gamba.

Un gruppo di uomini armati ha fatto espoledere una casa nel campo profughi di Jabalia nel nord della Striscia di Gaza lunedi mattina. La casa apparteneva a Kamal Balata, di anni 50. Fonti locali riferiscono che l’uomo non apparteneva a nessuna fazione politica e che era disoccupato da molto tempo.

Lunedi a mezzogiorno un gruppo di uomini a volto coperto ha detonato una bomba vicino ad una macchina della polizia che si trocvava di guardia alla casa dell’ex ministro degli esteri palestinese Dr. Mahmod Al Zahar, nella città di Gaza. La macchina è stat completamente distrutta ma non si riportano feriti.

Aggiornamenti dalla West Bank

L’esercito israeliano ha effettuato incursioni in diverse parti della West Bank ed ha arrestato otto civili lunedi mattina..

Cinque di questi arrestati vengono dalla cittĂ  di Tulkarem nella parte nord della West bank. Nelle prime ore del mattino una massiccia forza militare è entrata nella cittĂ  e nel vicino campo profughi ; le truppe hanno perquisito e setacciato diverse abitazioni ed hanno poi arrestato i cinque uomini portandoli verso un luogo di detenzione sconosciuto. Tra questi sono stati identificati Amier Jizmawi, di anni 16, Mo’amer Ali, di anni 32, e Tha’er Abu Salah, di anni 22.

Nel frattempo due civili sono satti arrestati al checkpoint della città di Tubass, nel nord della West Bank. Fonti locali riferiscono che i soldati di satnza al checkpoint hanno fermato e perqisito tutte le macchine che passavano di li. I due uomini sonmo satti costretti ad uscire dalla loro autovettura, poi sono stati caricati su una jeep a mportati verso un luogo di detenzione sconosciuto. Non si hanno ancora notizie circa l’identità dei due uomini.

Nella parte sud della West Bank le truppe israeliane hanno perquisite e setacciato le abitazioni di civili palestinesi residenti nel centro della cittĂ  di Hebron, ed hanno arrestato Khalil Al Natsha,di anni 27, portandolo verso una destinazione sconosciuta. Testimoni oculari riferiscono che le truppe hanno costretto le famiglie ad uscire dalla abitazioni durante le perquisizioni e che hanno anche danneggiato le proprietĂ  dei residenti.

Le forze militari israeliane lunedi all’alba hanno effettuato una incursione nel campo profughi di Jenin nel vicino villaggio di Al Mothalath nel nord della West Bank. Le truppe sono entrate prima nel campo profughi con un buldozer e li hanno cominciato un scontro a fuoco con i militanti della resistenza locale.

Nello stesso momanto un altra massiccia forza militare con due bulldozer entrava nel villaggio di Al Mothalath ad ovest della cttà di Jenin. I soldati hanno cominciato una campagna di perquisizioni casa per casa che è durata alcune ore.

Ragazzi del posto si sono allora riversati nelle strade ed hanno cominciato a scontrarsi con I militari tirandogli sassi e bottoglie vuote. I soldati hanno risposto con gas lacrimogeni e proiettili. PiĂą tardi le truppe hanno circondato la casa Samer As’assa, sostenendo che l’umo fosse ricercato dalla autoritĂ  israeliana. Il padre di Samer ha perso conoscenza durante l’attacco ed è stato trasferito al vicino ospedale per un ricovero urgente.

L’esercito isareliano ha dichiarato che l’attacco alla città di Jenin di lunedi aveva come obiettivo la cattura di pericolosi ricercati. Fonti locali però riferiscono che nessuno di questi ricercati è stato catturato, in compenso però l’esercito ha arrestato cinque civili e li ha portati verso una destinazione sconosciuta.

Conclusioni

Grazie per averci seguito dalla città occupata di Betlemme, avete ascoltato Palestina Oggi, un servizio dell’ International Middle East Media Center, www.imemc.org, edito da Anna Rossi e Ghassan Bannoura.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail